Eventi 2019

cartolinaA5_I secoli delle donne_stampa

I SECOLI DELLE DONNE

CON-VIVERE PRIMA(E)DOPO – CORSO PER DOCENTI

Si devono riequilibrare didattica e valori nell’educazione e nella vita sociale. È necessaria quindi una rilettura storiografica che faccia fronte alla troppa poca attenzione riservata al ruolo delle donne nella storia, che rischia di sacrificare l’ottica giusta, capace di tenere presente le relazioni fra maschile e femminile. Sono queste le motivazioni che hanno generato il volume della Società Italiana delle Storiche I secoli delle donne. Fonti e materiali per la didattica della storia, a cura di Franca Bellucci, Alessandra F. Celi, Liviana Gazzetta (Roma, Biblink, 2019). Pubblicazione che sarà il testo guida del corso che prenderà avvio il prossimo 2 ottobre a Palazzo Binelli.

Il corso, che gode del patrocinio della Società Italiana delle Storiche ed è rivolto ai docenti, rifletterà e lavorerà su parole chiave e piste tematiche legate alla didattica della storia utili per tutte le discipline e per un approccio attento alle questioni di genere.

I secoli delle donne costituisce il primo strumento che raccoglie un’approfondita selezione di fonti e materiali per una didattica che rappresenti anche il genere femminile nelle varie discipline. Un punto d’incontro inedito tra docenti della scuola secondaria di secondo grado e il mondo della ricerca per condurre ragazzi e ragazze in un percorso di consapevolezza verso un rapporto equilibrato e non prevaricante fra cittadini e cittadine di domani.

Nel corpo centrale del volume, in ordine cronologico, si trovano fonti primarie: scritti o discorsi di donne o che coinvolgono le donne. Ogni documento è proposto con un’introduzione che ne contestualizza la lettura. In testa a ogni scheda ci sono le “parole-chiave” che rimandano ai dieci saggi approfonditi che aprono il volume. “I secoli delle donne – spiegano le curatrici – non ha pretese di esaustività, ma si propone l’obiettivo di aprire un dialogo con gli insegnanti, presentando il metodo attraverso esempi significativi. Presenta due sezioni che si rivelano particolarmente importanti per chi opera nella formazione: una è Genere e storia delle donne nel mondo. Bibliografie di base, l’altra è il Questionario di autovalutazione, utile per tenere sotto controllo le pratiche didattiche, per non incorrere, anche nella vita professionale, in stereotipi di genere.

Il corso si svolgerà presso Palazzo Binelli (Carrara, via verdi n. 7) il 2, 3, il 4 ottobre per le scuole superiori e il 2, 3 e 11 ottobre per i docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. La giornata conclusiva è prevista l’8 novembre.
Info: info@con-vivere.it

www.con-vivere.it

LEZIONE OLIVETTIANA

CON-VIVERE PRIMA(E)DOPO – CONFERENZA

Venerdì 4 ottobre – ore 10.00 presso la Camera di Commercio di Massa Carrara

“Abbiamo portato in tutti i villaggi di campagna, in tutti i paesi della montagna, per la prima volta, quelle che io chiamo le nostre armi segrete: i libri, i corsi culturali, le opere dell’ingegno e dell’arte. Noi crediamo profondamente alla virtù rivoluzionaria della cultura che dà all’uomo il suo vero potere e la sua vera espressione, come il campo arato e la pianta nobile si distinguono dal campo abbandonato e incolto ove cresce la gramigna, e dalla pianta selvaggia che non può dar frutto”.
Con queste parole Adriano Olivetti traccia le linee di ciò che è prioritario per guidare il cammino della comunità.

Abbiamo già incontrato la storia e le figura dell’imprenditore di Ivrea durante i giorni del festival, con la mostra a lui dedicata, allestita presso Palazzo Binelli e curata dalla Fondazione Adriano Olivetti (visitabile su richiesta fino al 4 ottobre). Il percorso proseguirà anche la prossima settimana con la seconda “lezione olivettiana” tenuta da Beniamino de’ Liguori Carino, nipote di Olivetti: venerdì 4 ottobre ore 10.00 presso la Camera di Commercio di Massa e Carrara.

“Lezioni Olivettiane” è un progetto di formazione e divulgazione, promosso dalla Fondazione Adriano Olivetti, per la scoperta, l’approfondimento e la condivisione della storia olivettiana attraverso strumenti formativi multidisciplinari. Un’occasione per ripercorrere la straordinaria esperienza industriale, sociale e politica di Adriano Olivetti in cui ricerca tecnologica, design, architettura, responsabilità sociale e responsabilità verso il territorio si sono integrate in un modello unico, innovativo ed avanguardistico di fare impresa, dove la formazione rivestiva un ruolo importante. Un patrimonio di esperienze e valori rappresentato ancora oggi da Ivrea, città industriale del XX secolo, dichiarata Sito Unesco il 1 luglio del 2018.

A tenere la conferenza sarà Beniamino de’ Liguori Carino: laureato in Storia Moderna e Contemporanea all’Università La Sapienza di Roma. Dopo gli studi ha collaborato con il German Marshall Fund of the United States (Washington DC) e, successivamente, a Roma, con un editore indipendente. Nipote di Adriano Olivetti, guida, in qualità di Segretario Generale, la Fondazione che porta il nome di suo nonno.

La conferenza sarà aperta a tutti e ci sarà la possibilità per le scuole di prenotare posti per classi o gruppi. Info e prenotazioni: info@con-vivere.it.
Per i docenti potrà valere come ore di formazione, mentre per gli studenti come ore di alternanza scuola lavoro (per le scuole convenzionate con il festival o con la Camera di Commercio).
Il programma di iniziative legate alla figura di Adriano Olivetti è reso possibile grazie al contributo di F2i (Fondo Italiano Infrastrutture) e Porto di Carrara Spa, già premium supporter dell’edizione 2019 del festival con-vivere e alla collaborazione della Camera di Commercio di Massa Carrara.