Eventi 2019

DISTOPIC

PERSONALE DELL’ARTISTA AMEDEO DESIDERI

25 ottobre – 12 novembre 2019 – Palazzo Binelli

Orari: dal lunedì al venerdì 10.00-13.00 | 15.00-18.00

VERNISSAGE giovedì 25 ottobre ore 18.00

COMUNICATO STAMPA

Tra le mostre più interessanti ed innovative del fitto calendario di importanti esposizioni  che Palazzo Binelli propone alla città di Carrara, Venerdì 25 Ottobre alle 17,30 si inaugura nelle sue prestigiose sale una Personale dell’artista Amedeo Desideri curata da  Alessandro Romanini.

Giovanissimo artista, diplomatosi presso l’Accademia di Carrara  nel 2017, “ha sviluppato un articolato e multiforme percorso di ricerca che ha già raggiunto posizioni consolidata”. Al suo attivo ha  partecipazioni ad eventi espositivi importanti tra i quali la mostra “TU35”, organizzata dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci e due workshop alla Biennale di Venezia  promossi dal  Padiglione Italia e curati rispettivamente da Vincenzo Tirone e Cecilia Alemanni.

A Carrara, per la sua prima personale nella città del marmo, presenta DISTOPIC l’artista propone al pubblico alcune delle  opere più significative per rappresentare l’essenza del percorso di ricerca che lo ha recentemente  impegnato.” Esempio di questo percorso è  l’opera TRIUNPH che del monumento mantiene la struttura e il profilo gestaltico di riconoscibilità, ma viene declinato nella versione di dispositivo focaultiano, che sublima e depura l’elemento celebrativo simbolo della conquista”, che il curatore Romanini ha voluto assumere a simbolo della ricerca dell’artista Desideri.

Organizzata dall’Associazione “Gianni Rodari” la mostra ha avuto il Patrocinio della Provincia di Massa Carrara, sempre sensibile alla valorizzazione dei giovani artisti.

L’Associazione organizzatrice e l’artista ringraziano la Fondazione della Cassa di Risparmio di Carrara per la messa a disposizione dei locali espositivi di Palazzo Binelli  e per la collaborazione offerta all’artista.

L’Associazione  Gianni Rodari

smart-city-sito

Incontro pubblico su come affrontare i problemi per un
Centro Storico di Carrara
più consapevole | più partecipato | più inclusivo
più vivibile | più sicuro | più attrattivo | più accessibile
più accogliente | più divertente | più sportivo

L’Agenda ONU 2030, approvata il 25 settembre 2015, pone, per il Pianeta e la
prosperità delle sue Persone, 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile. In ogni parte del mondo, le Comunità di ogni Città, grande e piccola, di ogni Paese, di ogni Frazione, di ogni Quartiere, di ogni territorio locale, che vogliano reagire alle crisi e pensare al futuro, prendono come riferimento l’Agenda ONU 2030 e si danno una loro Agenda 2030, individuando gli specifici obiettivi di sostenibilità.
Le classifiche 2018 dei Capoluoghi italiani, elaborate da FPA, con la collaborazione di ANCI e AsSviS, ne “misurano” la distanza dagli obiettivi di sostenibilità. Massa è al 65° posto, con punti 4,03 e ciò evidenzia, da una parte, criticità diffuse, dall’altra, ampi spazi di miglioramento dell’Economia, della Società, dell’Ambiente, dei Servizi, della Governance.
A Carrara, con una storia millenaria di capitale del marmo, i problemi, ambientali, sociali, economici, di cui soffre quella “città dì marmo”, unica, che è il Centro Storico, sono clamorosi e richiedono il tempestivo avvio e sviluppo di processi di rigenerazione sostenibile.
Dopo gli incontri del 1° febbraio (Smart City: per una società che guarda al futuro – Sala di rappresentanza del Comune di Carrara) e del 27 maggio (Il Centro Storico di Carrara, anno 2019: sogni, visioni, idee, innovazioni, azioni – Palazzo Binelli), “Il Coordinamento per il Palazzo Rosso” e la Commissione Smart City dell’Ordine degli Ingegneri di Massa Carrara, con la collaborazione della Fondazione della Cassa di Risparmio di Carrara, intendono proseguire in un percorso lungo il quale crescano la consapevolezza dei valori e delle criticità, il coinvolgimento dei “portatori di interesse”, la produzione di proposte fattibili e condivise.
Il Convegno dell’11 novembre, con i 10 temi proposti, vuole richiamare l’attenzione sui problemi del Centro Storico di Carrara, promuoverne la visione integrata, ed esprimere la necessità e la possibilità di avviare/sviluppare/governare processi di pianificazione e monitoraggio che portino, gradualmente e progressivamente, alla loro soluzione. Dal Convegno può “uscire”, nelle sue linee e nei suoi punti principali, un “disegno”, sfumato ma rappresentativo, del “domani” del Centro Storico di Carrara, come si desidera che sia e si ritiene possa essere. Quanto più il “disegno” sarà partecipato, tanto più il contributo all’obiettivo di un “Piano Strategico 2020-2030” per Carrara, sarà efficace. Ogni osservazione, ogni approfondimento,
ogni idea sui temi previsti, attraverso comunicazioni nei tempi programmati o
memorie scritte, sarà di fondamentale utilità.

PROGRAMMA SINTETICO

8.30 Iscrizioni, richiesta di intervenire, presentazione comunicazioni scritte
9.00 Saluti delle Autorità
9.30 Introduzioni

10.00 La rivoluzione della mobilità sostenibile
10.30 Più Scuola nel Centro Storico
11.00 Il Centro Storico, una “città di marmo, bianca e luminosa”
12.00 Qualità della vita nei Condomini
12.30 L’ospite è sacro

15.30 Gli orti di Carrara
16.00 I luoghi della cultura e dello sport
16.30 Il Mercato dell’Arte del Centro Storico
17.00 Il Museo di Carrara
17.30 Comunicare Carrara
18.30 Conclusioni